Alla scoperta della storia, dell’architettura e del cinema del Foro Italico.
2 ore
e mezza
2,6 km

Il Foro Italico, l’ex Foro Mussolini, nasce come moderno spazio urbano dedicato alle attività sportive per la gioventù, con grandi edifici ed impianti coperti, ma anche ad ospitare le adunate celebrative del Regime. Il vasto complesso rappresenta uno dei principali interventi a scala urbana del regime fascista e, nonostante la retorica del classicismo monumentale, un esempio di progettazione urbanistica coerente.
Come per l’Eur, nasce per volontà di Mussolini su un sito ancora vergine, tra le verdi pendici di Monte Mario e l’ansa del Tevere, e sfrutta la morfologia del luogo inserendosi così in maniera armonica nel paesaggio naturale, risultando pienamente inserito all’interno della città sia dal punto di vista urbanistico che da quello funzionale. Il progetto viene elaborato ad Enrico Del Debbio negli anni 1928-32, e continuato da Luigi Moretti negli anni 1936-41.
Lo Stadio dei Marmi, l’edificio delle Piscine, la Casa delle Armi, lo Stadio Olimpico, il Palazzo della Farnesina, l’Accademia di Educazione Fisica (odierna sede del CONI), il Ponte Duca d’Aosta, il monolite di Costantino Costantini, la fontana del Globo: queste diverse costruzioni testimoniano l’oscillare del progetto tra rigido classicismo e razionalismo avanzato, e l’aspirazione all’unità tra architettura, scultura, decorazione e vasti spazi scenografici.

Attività riservata agli associati. Se ancora non ti sei associato nel 2020, puoi farlo sottoscrivendo la nostra tessera associativa qui: https://www.romaslowtour.com/associati/

Per partecipare alle nostre attività, bisogna rispettare le regole di sicurezza dettate dalla Regione Lazio: https://www.romaslowtour.com/linee-guida-visite-guidate-regione-lazio/