Alla scoperta della storia, delle evoluzioni urbanistiche, dei riferimenti letterari e dei set cinematografici di Centocelle
2 ore
1,8 km
Prenotazioni terminate

Uno slowtour a piedi alla scoperta del quartiere di Centocelle, che negli ultimi tempi sta conoscendo una rivitalizzazione e riqualificazione, soprattutto grazie all’arrivo della linea metro C.
Scopriremo la storia urbanistica del quartiere, legato alla nascita e sviluppo dell’adiacente ed omonimo aeroporto, il primo aeroporto italiano, entrato ufficialmente in funzione il 15 aprile 1909 quando Wilbur Wright venne a dare una serie di dimostrazioni del Flyer. Parte dei villini che in esso ancora si ergono erano le abitazioni del personale militare, ufficiali e sottufficiali dell’aeroporto.
Proprio per la presenza di questo obiettivo militare la zona fu fatta oggetto di numerose incursioni aeree alleate nel corso della Seconda guerra mondiale. Ma durante il conflitto il quartiere si distinse per lotta di Resistenza, Ottava Zona dei Gap e zona di azione del gruppo del Partito d’Azione che furono particolarmente attivi nell’area dell’aeroporto di Centocelle. Seguiremo, dunque, la storia dei suoi protagonisti attraverso le targhe e le numerose pietre d’inciampo.
Ma nella nostra passeggiata incontreremo anche importanze rilevanze archeologiche – le arcate dell’Acquedotto Alessandrino e il Parco Archeologico di Centocelle, un pezzo di storia del trasporto urbano che da qui passerà, e numerosi riferimenti letterari e cinematografici. Uno su tutti, Pier Paolo Pasolini, che qui era di casa, e che girerà alcune scene del suo “Accattone”.