Vademecum per i partecipanti alle escursioni

Quando ci prepariamo ad un trekking naturalistico, dobbiamo tenere in mente una serie di norme comportamentali importantissime, in quanto dobbiamo essere consapevoli che non parteciperemo ad una semplice passeggiata in città. Quindi bisogna attenersi ad una serie di regole in modo da non mettere in pericolo se stessi e gli altri membri del gruppo di cui si fa parte.

 

Prima dell’escursione

La cautela e l’attenzione vanno esercitate sin da subito, sin dal momento della scelta e prenotazione dell’attività.

I partecipanti devono sapere che:

• Devono essere preparati fisicamente al tipo di difficoltà dell’escursione prescelta;

• Sono tenuti a scegliere una tipologia di escursione in base al tipo di percorso e al proprio stato psicofisico;

• Devono essere dotati di abbigliamento e attrezzatura adeguati in funzione delle esigenze e degli itinerari previsti dal programma (una lista generica è consultabile più avanti in quest’articolo); in particolare, sono obbligati ad avere scarponcini da trekking, pena l’esclusione dall’escursione prescelta;

• Devono chiedere preventivamente alla Guida l’autorizzazione a portare con sè il proprio cane; tale autorizzazione verrà data in base alle norme vigenti ed ai regolamenti dei parchi e dei siti dove si svolgerà l’escursione;

• Sono tenuti a conoscere il nostro Regolamento.

 

Durante l’escursione, ovvero il nostro Regolamento

Al fine di poter svolgere l’escursione nella massima sicurezza e tranquillità e nella piena soddisfazione di tutti, richiediamo ai nostri partecipanti di attenersi alle seguenti regole:

1. Rispettare l’orario di partenza e il programma stabilito, adeguandosi alle eventuali variazioni apportate ad insindacabile giudizio della Guida;

2. Presentarsi con una condizione psicofisica, un abbigliamento e un’attrezzatura adeguati all’escursione; nell’insicurezza contattare in anticipo la Guida;

3. Riferire eventuali problematiche fisiche alla Guida nei giorni antecedenti alla partenza;

4. Mantenere un comportamento disciplinato nel corso dell’escursione, rispettando le persone e le proprietà private;

5. Seguire il percorso stabilito senza allontanarsi o abbandonare il gruppo e senza superare la Guida;

6. Attenersi alle indicazioni e disposizioni della Guida, in special modo nelle situazioni d’emergenza. La Guida ha la responsabilità del gruppo e prende le decisioni in base alla sicurezza dei partecipanti. E’ solo la Guida che decide eventuali variazioni di programma o itinerario qualora lo ritenesse opportuno per la salvaguardia e tutela dei singoli e del gruppo.

7. Collaborare con la Guida per la buona riuscita dell’escursione ed informarla di ogni problematica che dovesse emergere durante lo svolgimento delle attività programmate, in particolare riguardo alle proprie condizioni psicofisiche e dell’attrezzatura;

8. In caso di smarrimento o per altre evenienze, rimanere sul sentiero o sull’ultima sosta effettuata e aspettare gli aiuti senza cercare soluzioni individuali;

9. Quando ci si muove in un ambiente naturale è doveroso avere un comportamento attento e rispettoso di tutto ciò che ci circonda:

a. Camminare sul sentiero;

b. Non disturbare gli animali;

c. Non modificare l’ambiente naturale in nessun modo: non danneggiare alberi e piante, non strappare rami, non raccogliere fossili, non raccogliere fiori, piante o erbe protette, e comunque rispettare le indicazioni impartite dalla Guida;

d. Non abbandonare i rifiuti. Non dimentichiamo che chi passa dopo di noi non ha piacere di trovare i segni del nostro passaggio, quindi lasciamo pulito!

e. Non asportare parti di monumenti;

f. Non schiamazzare ed evitare rumori inutili. Limitare l’utilizzo del cellulare o, quantomeno, tenerlo con la suoneria disattivata.

 

La partecipazione alle nostre escursioni comporta l’accettazione incondizionata del presente regolamento.

Il mancato rispetto delle regole di cui sopra esonera Roma Slow Tour e la Guida da qualunque responsabilità. Ogni partecipante è personalmente responsabile di eventuali comportamenti rischiosi per sé e per gli altri, in particolare nel caso in cui dovesse prendere iniziative personali nonostante il parere contrario della Guida.

Roma Slow Tour può escludere dalle iniziative i partecipanti che con il loro comportamento compromettano il buon esito dell’uscita o mettano a repentaglio la propria od altrui incolumità.

 

Copertura assicurativa
La quota di partecipazione comprende esclusivamente il servizio di accompagnamento della Guida e non garantisce la copertura assicurativa per gli infortuni.

Laddove si voglia stipulare l’assicurazione infortuni giornaliera (compagnia assicurativa MARSH), è possibile farlo al costo aggiuntivo di €2,00, fornendo i propri dati personali (nome, cognome, codice fiscale e data di nascita), entro e non oltre le ore 13:00 del giorno precedente all’escursione. Le prenotazioni fatte dopo tale orario non potranno avvalersi di questa opzione. I dati vanno forniti solo per la prima partecipazione, per le escursioni successive non verranno richiesti in quanto registrati.

 

Abbigliamento

Per partecipare alle nostre escursioni, è obbligatorio indossare scarponi e calze da trekking.

È fortemente raccomandato venire muniti di: bastoncini da trekking (facoltativi ma fortemente consigliati), zaino, cappello, giacca in materiale traspirante ed impermeabile, pantaloni tecnici o comodi, maglietta termico/traspirante, o abbigliamento adeguato alle temperature del periodo, mantella/ombrello pieghevole, crema solare. In ogni caso i partecipanti devono essere muniti di abbigliamento ed attrezzatura efficiente ed idonea al tipo di escursione a cui partecipano.

Raccomandiamo anche di portare con sè almeno 1,5 litro di acqua e qualche spuntino/merenda, oltre al pranzo al sacco (laddove viene indicato).

Raccomandiamo anche di portare con sè la tessera sanitaria ed un kit di pronto soccorso.

La Guida si riserva di negare la partecipazione qualora giudicasse non adeguato l’equipaggiamento posseduto dall’escursionista. Quindi, pensateci bene prima di fare un viaggio a vuoto!

 

Car sharing

Il costo del trasporto è a carico dei partecipanti. Laddove è possibile cerchiamo di utilizzare il treno. Quando questo non è fattibile, promuoviamo il sistema di car sharing.

Per condividere le spese di viaggio ed inquinare meno, cerchiamo di utilizzare il numero minore di automobili e vi mettiamo in contatto in base alle zone di partenza da Roma. In fase di prenotazione preghiamo i conducenti che abbiano posti liberi di segnalarci se disponibili a trasportare altri partecipanti e una stazione metro a loro comoda dove poterli eventualmente incontrare. Faremo il possibile per mettere in contatto i conducenti e i partecipanti sprovvisti di mezzi per raggiungere il luogo dell’appuntamento. Resta comunque inteso che la Guida non si assume alcun onere e responsabilità sulle contrattazioni tra i partecipanti e non si assume alcun impegno a trovare una sistemazione di trasporto per tutti.
Suggeriamo, come regola generale, che, per auto con più di due passeggeri (incluso il conducente), il costo del carburante e di eventuali pedaggi autostradali sia a carico dei partecipanti trasportati esonerando quindi il conducente. Nel caso di auto con due soli passeggeri (incluso il conducente), consigliamo una divisione delle spese.

 

E, infine, un’ultima raccomandazione. Siamo notoriamente SLOW e i nostri trekking non sono delle gare di ultratrail: non andremo di corsa e faremo le necessarie pause, alcune più brevi, altre più lunghe. Abbandoniamo la fretta di arrivare e gustiamoci il percorso: sarà il nostro ricordo più bello.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *